La lengua incansable – La lingua instancabile

10 VOCI DELLA POESIA CONTEMPORANEA PUBBLICATE IN ARGENTINA
DALLA BUENOS AIRES POETRY

 

versione spagnola con testo originale italiano a fronte
a cura di Antonio Nazzaro

 
 

Nasce così La lengua incansable, doverosamente sottointitolato 10 voces contemporaneas. Il titolo deriva da un verso inserito nell’antologia la lingua instancabile del mare ci riempie le orecchie (di Giovanna Rosadini) che in qualche modo riflette la ricerca che ogni autore inserito (Alessandro Canzian, Roberto Cescon, Federico Rossignoli, Sandro Pecchiari, Alberto Toni, Luigi Oldani, Giovanna Rosadini, Luigia Sorrentino, Gian Mario Villalta, Giovanna Frene) compie sulla lingua, appunto instancabile. Piena di storia, di possibilità, che si scontra con la sua stessa complessità ma che sa sempre rinnovarsi, riscoprirsi.

 

Así nace La lengua incansable, obligatoriamente subintitulada 10 voces contemporáneas. El titulo deriva de un verso, que es parte de la antología La lengua encansable del mar nos llena los oídos (de Giovanna Rosadini) que de alguna manera refleja la búsqueda que cada autor incluido (Alessandro Canzian, Roberto Cescon, Federico Rossignoli, Sandro Pecchiari, Alberto Toni, Luigi Oldani, Giovanna Rosadini, Luigia Sorrentino, Gian Mario Villalta, Giovanna Frene)cumple sobre el idioma, por lo tanto incansable. Llena de historia, de posibilidades, que se estrella con su misma complejidad pero que siempre sabe renovarse, redescubrirse.

Antonio Nazzaro

 
 

ALCUNI TESTI

foto di Dino Ignani

ALBERTO TONI (1954, ROMA)
DE EL DOLOR, SAMUELE EDITORE, 2016

 
 
No el tiempo, sino los tiempos: los
de los retratos y de los cielos móviles,
ángeles doblados hacia abajo,
hilas, marañas, antiguos
turbamientos. Hasta aquí, hasta donde
esparcida la vida acepta las lenguas
y las razones, el destino y la ofensa,
el largo camino, los internos, los
fuegos de las estrellas, el peligro
que sube de noche, las paredes y
las sombras, la triste tenaza, el
largo ocaso del ojo.
 
 
 
 
Non il tempo, ma i tempi: que
dei ritratti e dei cieli mobili,
angeli piegati verso il basso,
schiere, viluppi, antichi
turbamenti. Fin qui, fin dove
sparsa la vita accetta le lingue
e le ragioni, il destino e il tort
la lunga strada, gli interni, i
fuochi delle stelle, il pericolo
che sale a notte, le pareti e le
ombre, la triste tenaglia, il
lungo declino dell’occhio.
 
 
 
 

FEDERICO ROSSIGNOLI

 
 
Áyax
 
Este pino cerca del mar
sutil ya no se ve,
es resina olorosa y sombra,
a lo largo del arenal el sol
deja solo mi dolor.
Lo que cada uno sabe nadie
vea: horroroso es mutar
el pensamiento en gesto – aunque
sería el breve camino,
vuelo agudo de gavilán
entre los cuernos de la luna
vaca tibia del cielo
puesta a pastar sobre el hilo
de la lama desenvainada.
Ya me veo a lo largo del rio
que nunca más podré dejar
lo pudiera si alguna voz
detrás de mí dijera “Ayax!”, una voz
lo debería, pero sin vergüenza calla.
 
 
 
 
Aiace
 
Questo pino presso il mare
sottile non si vede più,
è resina odorosa e ombra,
lungo l’arenile il sole
lascia solo il mio dolore.
Ciò che ognuno sa nessuno
veda: orrido è mutare
il pensiero in gesto – eppure
sarebbe la breve strada,
volo acuto di sparviero
tra le corna della luna
vacca tiepida del cielo
messa a pascolo sul filo
della lama denudata.
Già mi vedo lungo il fiume
che mai più potrò lasciare
lo potrei se qualche voce
dietro a me dicesse “Aiace!”, una voce
lo dovrebbe, ma senz’onta tace.
 
 
 
 

SANDRO PECCHIARI
DE VERDES AÑOS – SAMUELE EDITORE 2013

 
 
Pantha Rhei
 
Camaleón grabado de llanuras
y fauces lentas de desembocaduras
el golfo hoy
recorre los colores de las nubes.
Un halcón se alza.
A la cautela de perla del otoño
yo trenzo mitos antiguos
y noticias de cada día
rateando el periódico del vecino
fijando inmóvil mientras todo corre.
 
Y corriendo sobre la hoja
trenza a mis manos
Penélope el valor de la reclusión
de una mente invadida,
la mía que descuerna, la suya fuerte de olivo.
 
Intentos a devanar cuanto tramado,
el miedo y la prudencia, en prudente felicidad
ayudándonos a retejer ,
dice que puedo, que debo
que Ulises llegará al fin
que somos aún piezas en su viaje
y él en el nuestro.
 
 
 
 
Panta Rhei
 
Camaleonte inciso di pianure
e fauci lente di foci
il golfo oggi
ripercorre i colori delle nubi.
Un falco s’alza.
Alla cautela di perla dell’autunno
io intreccio miti antichi
e notizie d’ogni giorno
taccheggiando il giornale del vicino
fissando immobile mentre tutto scorre.
 
E scorrendo sul foglio
intreccia alle mie mani
Penelope il coraggio della reclusione
d’una mente invasa,
la mia che scorna, la sua forte d’olivo.
 
Intenti a dipanare quanto tramato,
la paura e la prudenza, in prudente gioia
aiutandoci a ritessere,
dice che posso, che devo
che Ulisse verrà alfine
che siamo ancora pedine nel suo viaggio
e lui nel nostro.
 
 
 
 

foto di Dino Ignani

ALESSANDRO CANZIAN
DE IL COLORE DELL’ACQUA (SAMUELE EDITORE, 2016)

 
 
Olga
 
La muchacha de nombre Olga
es una muchacha que no conozco
ni nunca me enamoré de ella.
Pero si me la imagino la pienso
con la piel blanca como los cabellos
de mí padre, y el seno grande
-pero la memoria no deja ver-
y con el útero profundo
como la oscuridad dentro de un hombre.
 
 
 
 
La ragazza di nome Olga
 
è una ragazza che non conosco
né me ne sono mai innamorato.
Ma se me la immagino la penso
con la pelle bianca come i capelli
di mio padre, e il seno grosso
– ma la memoria non fa vedere –
e con l’utero profondo
come il buio dentro un uomo.
 
 
 
 

foto di Dino Ignani

GIOVANNA ROSADINI
DE IL NUMERO COMPLETO DEI GIORNI (ARAGNO 2010)

 
 
Cage within a Cage
 
Este comienzo ya estuvo, hace mucho
tiempo: vacío suspendido dentro de otro vacío,
resonada elegancia del juego – moviendo
del informe oscuro y ronco. Un mundo
brotó sobre los refugios, nombrado hoja
a hoja, estrella a estrella, sustancia silabada,
hecha llena – palabras acuden a dar forma,
materia germinada, vida multiplicada sobre
la huella de otra vida, membrana desteñida
hasta la nada y reverdecida. Este comienzo habla
una lengua exhumada, fijada en el eterno
instante en que ya ha sido pronunciada –
eternamente próxima a ser olvidada.
 
 
 
 
Cage within a Cage
 
Quest’inizio c’è già stato, molto tempo
fa: vuoto sospeso dentro un altro vuoto,
riecheggiata eleganza del gioco – muovendo
dall’informe scuro e roco. Un mondo
è germogliato sui rifugi, nominato foglia
a foglia, stella a stella, sostanza sillabata,
fatta piena – parole accorse a dare forma,
materia germinata, vita moltiplicata sopra
la traccia di un’altra vita, membrana sbiadita
fino al nulla e rinverdita. Quest’inizio parla
una lingua riesumata, fissata nell’eterno
istante in cui è già stata pronunciata –
eternamente prossima ad essere dimenticata.
 
 
 
 

LUIGI OLDANI
DE HAIKU ITALIANOS, SAMUELE EDITORE, 2016

 
 
Leo en la cama
dulce es no entender
el alba de un otoño.
 
 
 
 
Me mira Ada
se abre su mundo
me vuelvo gato.
 
 
 
 
De cada flor
cada pétalo existe
por todo el tiempo.
 
 
 
 
Leggo a letto
dolce è non capire
l’alba d’autunno.
 
 
 
 
Mi guarda Ada
s’apre il suo mondo
divento gatto.
 
 
 
 
Di ogni fiore
ogni petalo esiste
per tutto il tempo.
 
 

ROBERTO CESCON
DE LA GRAVITÀ DELLA SOGLIA (SAMUELE EDITORE, 2010)

 
 
La gravedad del umbral devora
en la sangre el instinto ondeado
lanzarse adelante como un migrante
porque siempre había algo, tener
temporadas , las medidas inadecuadas,
el miedo de ir más allá
inclusive del endecasílabo,
pero deberíamos ser otra generación,
en vez nos enseñaron a pensarnos
neutrinos sin saberlo.
 
La distancia del llegar a ser es vivir
o escribir todos esos pasos
y, mientras te volteas, ya entraste
en un destino, como los muguetes
que hacen perfume sin saberlo.
 
Y entonces hacer las paces con los años
basta solo recordarse y esperar
con las imágenes que saben algo.
 
 
 
 
La gravità della soglia divora
nel sangue l’istinto maroso
gettarsi in avanti come un migrante
perché c’era sempre qualcosa, avere
periodi, le mezze misure,
la paura di spingersi più in là
persino dell’endecasillabo,
ma dovremmo essere un’altra generazione,
invece ci hanno insegnato a pensarci
neutrini senza saperlo.
 
La distanza dal diventare è vivere
o scrivere tutti quei passi
e, mentre ti volti, già sei entrato
in un destino, come i mughetti
che fanno profumo senza saperlo.
 
E allora far la pace con gli anni
basta solo ricordarsi e sperare
con le immagini che sanno qualcosa.
 
 
 
 

foto di Dino Ignani

GIAN MARIO VILLALTA
DE TELEPATIA (LIETOCOLLE-PORDENONELEGGE, 2016)

 
 
Y de repente estamos en el silencio,
y la oscuridad apenas rota pronto se recompone
sobre la grieta de luz que ha atravesado la noche.
A veces también la memoria es así. Ahora grandes gotas,
lentas, gotas pesadas sobre la cortinas para el sol
sobre los autos y sobre los aleros son rastros más breves,
se confunden con las voces
de los vecinos que llaman al amparo,
exhortan a cerrar, a llevar adentro.
Estoy en el centro que huye
dentro del círculo del tiempo.
Estoy parado, imaginado el instante
que se abre antes
de la lluvia fragorosa, antes del viento
que sacude los postigos, y del granizo.
Lo sé qué nacer duele. Y parece natural.
Como el amor cuando llega y pides
un día aún un día un día aún.
 
 
 
 
E all’improvviso siamo nel silenzio,
e il buio appena rotto sbito si ricompone
sulla crepa di luce che ha attraversato la notte.
A volte anche la memoria cos Adesso grosse gocce,
lente, gocce grevi sulle tende da sole
sulle auto e sulle gronde sono tracce più brevi,
si confondono con le voci
dei vicini che chiamano al riparo,
esortano a chiudere, a portare dentro.
Sono nel centro che fugge
dentro il cerchio del tempo.
Sono fermo, immaginato l”istante
che si schiude prima
della pioggia scrosciante, prima del vento
che scuote le imposte, e della grandine.
Lo so che nascere fa male. Lo so che respirare
appena nati tremendo. E appare naturale.
Come l’amore quando arriva e chiedi
un giorno ancora un giorno un giorno ancora.
 
 
 
 

foto di Dino Ignani

GIOVANNA FRENE
DE DATITÀ, MANNI, 2001

 
 
Desire of burials near her sister
 
Haz del arte tu madre: así me dijo
el tiempo que demoraba desde el comienzo dentro de mi
y me dormía al lado con los dedos cruzados
en la cama de nuestra infancia
tu no sabías quien era o con que voz
te habría hablado en los perenes días del exilio
pero ya me querías sin pausa con tu respiro
en mi débil estado terrenal: yo no tengo más
hermanas vivas y de esa Única Muerta
ruego hermanastra ausencia de detener las cenizas
para el ataúd indiviso
privada madre
 
 
 
 
Desire of burials near her sister
 
Fai dell’arte tua madre: così mi disse
il tempo che dimorava dall’inizio dentro di me
e mi dormiva accanto a dita incrociate
nel letto della nostra infanzia
tu non sapevi chi ero o con quale voce
ti avrei parlato nei perenni giorni dell’esilio
ma già mi amavi senza sosta con il tuo respiro
nel mio esile stato terreno: io non ho più
sorelle vive e di quell’Unica Morta
prego sorellastra assenza di trattenere le ceneri
per la bara indivisa
privata madre
 
 
 
 

foto di Dino Ignani

LUIGIA SORRENTINO
DE INIZO E FINE (I QUADERNI DE “LA COLLANA” STAMPA, 2009, 2016)

 
 
dejará el valle
la agonía de todos los movimientos
 
multiplicaba nuestros nombres
antes de entrar en el rigor de cada
 
alba, de cada noche
éramos diferencias de sonido
 
empujábamos la caricia
a la membrana del oído
 
-¿quién te ha llamado con tu nombre?-
 
 
 
 
lascerà la vallata
l’agonia di tutti i movimenti
 
moltiplicava i nostri nomi
prima di entrare nel rigore di ogni
 
alba, di ogni notte
eravamo differenze di suono
 
spingevamo la carezza
alla membrana dell’orecchio
 
– chi ti ha chiamato con il tuo nome? –
 
 
 
 

ANTONIO NAZZARO
traduttore

 
 

Antonio Nazzaro (Torino, 1963), giornalista, poeta, traduttore e mediatore culturale italiano. Vive a Caracas in Venezuela. Nel 2008 diventa coordinatore del Centro Culturale Tina Modotti con lo scopo di promuovere la cultura italiana e Latino Americana attraverso varie forme di interscambio culturale. Nel 2013 ha scritto il libro in prosa poetica Odore a Torino-Caracas senza ritorno scritto e pubblicato in italiano e spagnolo dalla casa editrice Edizioni Arcoiris di Salerno (copertine e illustrazioni dell’artista argentina Mariana De Marchi). Nel 2014 è stato selezionato per rappresentare l’Italia al Festival Mondiale della Poesia di Caracas. Nel 2015 è stato selezionato per rappresentare l’Italia al Festival del teatro di Caracas con l’opera di video teatro: Cronaca di un cronista urbano: Pedro Lemebel. Attualmente dirige una nuova collezione dedicata alla poesia contemporanea latinoamericana per la casa editrice italiana Editore Arcoiris, Salerno. Coordina la sezione poesia latina per la rivista elettronica Parco Poesia e per la rivista Atelier poesia e collabora con altre presenti in rete. Inoltre sfoga la sua passione segreta con una rubrica dedicata alla fotografia sulla rivista Fuori Asse. In America Latina collabora con riviste cartacee e digitali tra le quali, Buenos Aires Poetry e Poesia dell’Università di Carabobo (Venezuela). Quest’anno è stato invitato al Primo Incontro di Scrittori Internazionali organizzato dalla Fondazione Renascentro di Bogotá (Colombia). Alla fine di agosto parteciperà nel VII Festival Internacional de Poesía Ignacio Rodríguez Galván in Messico.

 
 
 
 

ALESSANDRO CANZIAN
curatore

 
 

Alessandro Canzian (1977), vive e lavora a Maniago (Pordenone). Ha collaborato e collabora saltuariamente con varie riviste e blog. Nell’ottobre 2008 ha fondato la SAMUELE EDITORE che ad oggi ha pubblicato volumi premiati (Premio Gatto, Premio Camaiore, Premio Città di Forlì), prefazioni eccellenti (Squarotti, Tomada, Cucchi, Pecora, Rondoni, Vecchioni), ha pubblicato poesie di Franco Buffoni, Maria Grazia Calandrone, Isabella Vincentini e altri, e ha svolto fiere e presentazioni nelle maggiori città italiane (Roma, Milano, Torino, Pordenone, Udine, Napoli, Fiera del Libro di Torino, Pordenonelegge, Casa della Poesia di Milano, Ritratti di Poesia a Roma) con partecipazioni di Maurizio Cucchi, Marina Giovannelli, Silvio Ramat e altri. A dicembre 2012 ha vinto il secondo Premio di Poesia al Leone di Muggia con la raccolta Histoire d’O e nel 2014 è menzione al Premio Lorenzo Montano per il Luceafarul. Nel 2013 Alessandro Agostinelli lo inserisce tra i poeti italiani nell’articolo “Penisola dei poeti” uscito nell’Espresso (articolo in cui Agostinelli gli fa anche un’ampia intervista nella veste di Samuele Editore indicandolo come uno dei migliori editori di poesia emergenti) e nel 2017, sempre con Alessandro Agostinelli, un suo testo esce su L’Unità. Nel dicembre 2013 pubblicato nella rivista universitaria “NEMLA Italian studies” del College of New Jersey (a cura di Simona Wright) un’antologia di poeti veneti. A novembre 2015 apre il ciclo di incontri sulla Poesia Una scontrosa grazia a Trieste, a febbraio 2017 apre un secondo ciclo sempre specifico per la poesia a Palazzo Grimani a Venezia in collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali e la Scuola di Musica Antica di Venezia. Nello stesso periodo collabora con il ciclo di incontri #Poetry a Faenza. Articoli sulla sua poesia sono usciti su Il Piccolo, La Lettura (Corriere della sera), L’Unità, Illustrati, Il Segnale, Italian Poetry Review, e altri.

 
 
 
 

JUAN ARABIA
L’Editore

 
 

La Buenos Aires Poetry è una casa editrice indipendente argentina che si occupa tra le altre cose di poesia, di critica, e promuove una delle maggiori riviste letterarie del genere.

Juan Arabia, l’Editore (nato il 18 giugno del 1983 a Buenos Aires, Argentina), è poeta, traduttore e critico letterario, laureatosi presso l’Università di Scienze Sociali dell’Università di Buenos Aires, e attuale direttore della casa editrice e rivista: Buenos Aires Poetry. Si è laureato con una tesi su John Fante e la cultura operaia italoamericana, è il direttore della rivista Buenos Aires Poetry dove scrivono scrittori come John Ashbery, Dan Fante, Robert Darnton, Mark Ford, e altri. Collabora anche a diverse riviste tra cui spiccano quelle dell’Università de La Rioja, Dipartimento di Filologia Moderna(Spagna), la rivista di Studi Culturali La Torre del Virrey (Università Internazionale Menéndez Pelayo di Valencia), il supplemento Culturale del quotidiano argentino Perfil e la rivista El Malpensante (Colombia). Libri Publicati: John Fante. Entre la niebla y el polvo (2011); PosData a la Generación Beat (2014); El Enemigo de los Thirties (2015); John Fante: Camino de los sueños dirunos (2016). Il nemico dei Thirties (Italia, 2017). Libri tradotti: Nuevos Versos y Canciones – Arthur Rimbaud (2014), Un-gin-meando… – Dan Fante (2015), Lustra – Ezra Pound (2016).

 
 

 
 

Per prenotare la tua copia


 
 

I libri verranno inviati ad agosto 2017 solo se verranno vendute almeno 30 copie.
In caso negativo verranno restituite integralmente tutte le prenotazioni